mercoledì 24 maggio 2017

Tenere il ritmo

E' scoppiato il caldo, ieri sera mi sentivo sciogliere le gambe mentre correvo per il solito allenamento serale.
Ho fatto più fatica del solito e sentivo di avere meno forza per mantenere la velocità costante, deve essere l'effetto di questo meteo altalenante che un giorno devi mettere i moonboot e il giorno dopo le infradito...
Ora più che mai bisogna tenere il ritmo e non mollare!
Domenica scorsa sono andato al lago di Mergozzo per nuotare in acque libere, 2km con la muta in un'acqua freddina e con una discreta corrente, ma devo dire che la zona è veramente bella per allenarsi, puoi nuotare, correre e pedalare immerso in una piccola oasi di verde intorno al lago.
Questa settimana è ancora impegnativa per motivi di lavoro e quindi cerco di sfruttare al massimo i momenti che posso dedicare all'allenamento facendo sessioni più brevi ma anche 2 o 3 volte al giorno a seconda dei momenti liberi.
Ieri doppio nuoto-corsa, oggi doppio nuoto-bici e domani bici un po' più lunga.
Questo we vorrei fare il Mottarone, è molto tempo che non faccio una salita lunga e devo mettere un po' di potenza e resistenza nelle gambe.
Intanto ieri lo Squalo ha dato spettacolo al Giro d'Italia in una tappa durissima con oltre 5000mt di dislivello, monopolizzando gli ultimi 30km e sferrando l'attacco decisivo lungo gli ultimi 4km dell'ultima salita e infine suggellando il capolavoro buttandosi in discesa a velocità folle disegnando traiettorie alla Valentino Rossi.
Grande Nibali!!!



venerdì 12 maggio 2017

Olimpico Candia

Domenica scorsa prima gara ufficiale dopo quasi 2 anni di stop per infortunio.
Condizioni difficili per il freddo che ha condizionato la gara per molti atleti causando anche tanti ritiri.
Io non avevo nessun obiettivo prestazionale a livello di tempi, volevo solo terminare la gara spingendo bene ogni frazione al ritmo del mio attuale stato di forma.
Devo dire di essere soddisfatto, anche se il crono finale di 2h44min non è proprio un tempone da ricordare, ma sono contento perche ho sempre spinto in tutte le frazioni.
Partivo nell'ultima batteria, quindi mi sono preso tutto il freddo nell'attesa che partissero le altre batterie, nonostante indossassi la muta avevo comunque freddo!
Mezz'ora abbondante ad aspettare che ci chiamassero sul pontile del laghetto di Candia, i piedi ghiacciati e le mani senza sensibilità, meno male che mi ero ricordato di portare la cuffia in noeprene!
Partenza dall'acqua, quindi altri 5 minuti buoni fermi nell'acqua fredda ad aspettare lo start e poi finalmente il via!
Naturalmente quando parte una gara ci si dimentica tutto quello che è successo prima e si pensa solo a quello che si sta facendo. Mai guardare indietro, solo focalizzare l'arrivo!
Cerco di nuotare costante ma sento che non ho il ritmo gara. Cerco comunque di andare più che posso.
Il lago è calmo e scuro, e alla prima boa noi mi sono ancora scaldato. Punto la seconda muovendo più forte le gambe. Sento il sangue scorrere e scaldarmi un pochino...
Giro la seconda boa e punto la riva, ho ancora energia e spingo fino al pontile dove gli addetti mi danno una mano a tirarmi fuori dall'acqua.
Freddo, freddo, freddo! Ma che bella sensazione essere tornato a gareggiare!
Prendo la bici ed indosso la maglia a maniche lunghe. Pedalo fortissimo per scaldarmi.
I primi 23 km sono piatti e veloci, spingo il rapporto lungo.
Quando cominciano le salite accuso un po' la fatica, ma tengo duro.
Alla fine arrivo alla T2 con le gambe un po' imballate, ma quello che più mi da fastidio sono i piedi ancora ghiacciati!
Parto di corsa e ci vogliono almeno 3 km per ritrovare la sensibilità nei piedi e da li corro bene e sempre in spinta fino a tagliare il traguardo felice.
Sono molto contento della frazione di corsa tenuta a 4:39 al km, un po' meno per nuoto e bici dove ho performato al di sotto delle mie aspettative. Ma le condizioni di gara erano difficili e va bene cosi!
Un applauso a tutti gli atleti ARC, eravamo veramente un bel gruppone, che ha fatto incetta di premi e di podi.
Bravi veramente a tutti.
Questa settimana ho ripreso blandamente gli allenamenti con piscina e corsa, purtroppo il meteo non promette nulla di buono...speriamo in un po' di sole per uscire in bici nel we.
In definitiva sono molto contento di essere ritornato ufficialmente in pista!

venerdì 5 maggio 2017

Oggi parte il giro d'Italia

Parte oggi il giro d'Italia numero 100.
Grande festa da Alghero oggi per la partenza del giro, un grandissimo in bocca al lupo a tutti i ciclisti che saranno sicuramente protagonisti di un grande spettacolo!
Un ricordo affettuoso va a Michele Scarponi che sarebbe stato sicuro protagonista!
Forza ragazzi, buon Giro a tutti

mercoledì 3 maggio 2017

Prima gara dopo 2 anni

Siamo a Maggio ma fa freddo come a Febbraio!
In questi ultimi 10 giorni tra ponti e lavoro non mi sono allenato a dovere, ma va bene cosi. Mi sento abbastanza bene e in forma.
Ho corso bene facendo un paio di allenamenti dal buon vecchio Giò e ho pedalato altrettanto esplorando giri nuovi verso Como, in zone dove le strade sono un continuo saliscendi molto allenante per me.
E quindi, pronto o non pronto, domenica festeggerò il mio ritorno alle gare ufficiali dopo quasi 2 anni di stop per infortunio.
Mi sono iscritto infatti al Triathlon Olimpico di Candia, credo che sia la distanza giusta per ricominciare, tantopiù che è no draft e quindi la frazione bici sarà molto impegnativa.
Dato che non mi interessa il crono finale, cercherò di godermela senza strafare, ascoltando il mio corpo per non forzare.
Mi preoccupa un po' il meteo, dato che la gara parte alle 8 del mattino e le temperature attualmente non sono molto piacevoli, qui ieri mattina c'erano 3 gradi!!!
Speriamo almeno che non piova!
Dopodomani parte anche il giro d'Italia, la 100esima edizione, sarà un evento fantastico.
Purtroppo al via non ci sarà un vero campione di Umiltà e simpatia: Michele Scarponi, morto in un incidente stradale mentre si allenava vicino casa poco tempo fa.
Una perdita enorme per il ciclismo e per lo sport!
Purtroppo la sicurezza dei ciclisti per strada è ancora molto lontana dall'essere raggiunta, e io anche se ci metto tutta l'attenzione che posso, sono sempre più spaventato dall'atteggiamento di alcuni automobilisti.
Ci vorrebbe più cultura e senso civico e tolleranza prima ancora che regole ferree!
Meglio non pensarci,
Pedalate con attenzione!!!

  

giovedì 27 aprile 2017

Use it or Lose it

Se esiste una verità assoluta nel mondo dell'allenamento e del fitness in generale è questa:
USE IT OR LOSE IT
A tutti i livelli e per qualunque attività ma soprattutto per gli atleti di endurance, se non usate un muscolo, se non allenate un movimento, se non tenete sempre alto il livello di tensione nel vostro corpo, perderete forza, flessibilità e capacità cardiovascolare.
E questo è tanto più vero quanto più alto è il vostro livello di allenamento.
Nel mio piccolo l'ho sperimentato su me stesso la scorsa stagione, nella quale sono rimasto fermo almeno 3 mesi per infortunio, beh ancora oggi, dopo 1 anno, faccio fatica a riportare la muscolatura, la reattività e la resistenza al livello di prima dell'infortunio.
E' certo un dato oggettivo, tempi alla mano sono più lento in tutte e tre le discipline, ma quello che mi allarma di più è il dato sensitivo, cioè la netta sensazione fisica, interiore e radicata di essere meno agile e avere meno forza esplosiva.
Alcuni muscoli non lavorano più come prima e lo sento nel gesto atletico che risulta più complesso e dispendioso.
Potrebbe dipendere anche dal fatto che ho sospeso la palestra (intesa come pesi) da almeno 6 mesi, ma ho comunque ricominciato ad allenarmi con costanza e metodo e pensavo di tornare in forma nel giro di qualche mese...ma a distanza di 1 anno non sono per niente soddisfatto.
Continuerò comunque a lavorare perche l'obiettivo rimane l'Ironman di Vichy a fine Agosto.
E voi ricordatevi sempre: use it or loose it!





mercoledì 12 aprile 2017

3 giorni a Riccione

Bel weekend di allenamento a Riccione con il gruppo ARC.
Sole, fatica e bella compagnia sono stati i protagonisti dello scorso weekend a Riccione culminato con la Granfondo di domenica.
Non ero molto preparato per affrontare il lungo e quindi, giunto al bivio, ho deciso di fare il percorso corto di 100km circa.
Giornata di sole stupendo con temperatura perfetta per correre in bici, peccato per il vento a tratti violento.
Il percorso bello duro, tipicamente collinare, tutto mangiaebevi con due salite lunghe ma pedalabili.
Gli ultimi 20 km particolarmente impegnativi con uno strappo di 500mt con pendenza massima al 18% che non scorderò tanto presto!
Bella organizzazione, l'unica cosa negativa è stata la condizione dell'asfalto in alcuni punti veramente pessima e pericolosa per i ciclisti.
Intanto, questa settimana, non mi sono risparmiato. Lunedi nuoto in piscina 2300mt con ripetute veloci sui 100 e 50, ieri corsa in pista e oggi si riprende la bici...
Non ci fermiamo mai!





mercoledì 5 aprile 2017

In ritiro a Riccione

Domenica scorsa grande giornata di sport e festa in occasione della Maratona di Milano.
Giornata perfetta per correre, al mattino presto qualche goccia di pioggia ma nulla di preoccupante, anzi ha rinfrescato l'aria quel tanto che basta per correre in scioltezza senza problemi.
Io, non avendo abbastanza allenamento nelle gambe, ho fatto la staffetta.
Prima frazione, 11km.
Mi sono divertito molto e il passaggio in piazza del Duomo è stato spettacolare!
Alla fine ho corso dignitosamente a 4:32.
Purtroppo per i miei compagni di staffetta ne ho combinata una delle mie dimenticandomi il chip!!!
Fortunatamente era nella sacca che teneva il mio compagno mdi staffetta al quale dovevo dare il cambio, per cui lo abbiamo recuperato. Ma il tempo totale e la mia frazione non sono stati registrati...


Questo fine settimana invece andiamo in massa a Riccione.
Tre giorni di allenamenti intensivi in squadra.
Tutti i giorni nuoto, bici e corsa. E' molto più stimolante allenarsi in gruppo!
E domenica sono iscritto alla GranFondo di riccione, prima gara in bici dell'anno!
Speriamo nel meteo clemente, e se fa molto caldo potrei azzardare anche un bel bagno nel mare!
Buon allenamento a tutti!

giovedì 30 marzo 2017

Conquistato il Ghisallo

Lo scorso weekend è stato dedicato ai "lunghi", sabato bici e domenica corsa.
Sabato, complice una giornata meravigliosa, ho fatto il Ghisallo partendo da Busto.
150 km per arrivare al tempio dei ciclisti.
Strada bruttissima per il traffico veramente congestionato e in alcuni tratti insopportabile, ma alla fine della salita (12km circa abbastanza pedalabili) ci si trova veramente in un luogo semi mistico totalmente dedicato all'essenza del ciclista!





Il ritorno è stato duretto, soprattutto i 40km lungo il lago per arrivare a Como. Un mangiabevi su e giù da diventare ubriachi!
Comunque è tutto fieno in cascina.
Domenica invece corsa defaticante, 14km lento con le gambe intasate dal giorno prima...sembravo veramente un pezzo di legno.
Lunedi recupero e stretching, mentre martedi allenamento di corsa in pista con 3 serie da 1200+800+400 in progressione.
Bello tosto!
Ieri bel combinato serale, 45km bike+5km corsa, complice una giornata quasi estiva veramente spettacolare!
Domenica sono alla maratona di Milano, partecipo alla staffetta. Frazione di 11km e poi allungo almeno fino a 20.
Settimana prossima sarà una settimana di carico, è stato organizzato dalla società una 3 giorni di allenamenti intensivi a Riccione che termineranno con la omonima granfondo.
http://www.granfondocittadiriccione.com
Faremo 3 sessioni di allenamento al giorno. speriamo che il meteo sia clemente!

Finalmente arrivano buone notizie riguardo Diegasso, è stato trasferito all'ospedale di Busto e comincia pian piano a riprendersi. Ci hanno detto che non può ancora ricevere visite ma ormai siamo in cime alla salita, il resto è tutta discesa!
Vai Diegasso!





martedì 21 marzo 2017

Primavera

E' primavera, alla fine di questa settimana entrerà in vigore l'ora legale, ci sarà più luce alla sera e ricominceremo ad uscire in bici regolarmente durante la settimana.
Ci vuole, ho bisogno di scrollarmi di dosso il torpore invernale che quest'anno sento più pesante del solito.
Sto nuotando poco perche purtroppo mi fa male la mano infortunata. E' un problema al tendine che non riesco a risolvere e che si presenta dopo 1000/1500 metri di nuoto e non passa.
Ora sono fermo da una settimana ma sento che la mano non è guarita e il tendine è ancora infiammato.
So per esperienza che le infiammazioni ai tendini sono cose lunghe, speriamo si risolva senza farmi dannare.
Comunque domani mattina nuoto lo stesso al mattino presto prima di colazione.
Sabato bella uscita in bici con ripetute in salita sulla calogna. Alla fine 110km con discrete sensazioni.
Bene.
Stasera ultimo incontro con coach Vedana in pista per l'allenamento di corsa. I suoi consigli sono sempre utili e mirati al miglioramento della tecnica, certo che per me cambiare meccanica di corsa dopo 40 anni che corro così è un po' dura...ma farò del mio meglio.
Le previsioni danno maltempo da domani fino a sabato, mi concentrrò sulla corsa.
Buon allenamento!


giovedì 16 marzo 2017

Dubbio

Come dice ogni programma meteo che guardo, ci sono
"Temperature alte rispetto alla media del periodo".
Questo we sono infatti finalmente uscito con l'abbigliamento estivo, anzi sotto corto e sopra maglia lunga ma non invernale.
Ed è stato perfetto!
Ho fatto il primo lungo vero, giro del lago d'Orta, 140 km. Eravamo solo in 5 (tutti più "in gamba" di me) e quindi anche la scia non era da gruppone.
Fatica da morire, percorso ondulato, gli ultimi 20km sono stati una vera e propria sofferenza!
Comunque sono arrivato a casa soddisfatto e consapevole di aver fatto un buon lavoro per risvegliare le gambe dopo più di un anno che non superavo i 110km.
Ora non bisogna fermarsi ma continuare a macinare km, in fondo io devo solo allenare bene la distanza, non devo per forza andare veloce come un missile. Non ho obiettivi ti tempo, voglio solo chiudere bene l'Ironman.
Mi sono però reso conto che devo rieducare il mio fisico agli sforzi prolungati perche in effetti lunedi ero un ectoplasma, mi sentivo spiaccicato come una medusa fuori dall'acqua!
Ho nuotato per defaticare, poi martedi nell'allenamento di corsa in pista ho fatto veramente fatica a fare 10km e ieri in bici sentivo ancora che le gambe erano intasate dallo sforzo del we.
Insomma pensavo di essere più preparato.
Quindi mi sorge spontaneo il dubbio che forse non ce la faccio a preparare un Ironman entro Agosto. Su una scala di 100 pensavo che, essendo comunque allenato, non sarei partito proprio da zero, ma diciamo da ventitre, invece mi sa che devo riconsiderare un po' tutto quanto!
Sto seriamente valutando di fare il mezzo, e devo decidere in fretta perche ormai è giunto il momento di iscriversi!
Stanotte ci penso...